Cesanese del Piglio a Piglio: da provare

Per chi vorrebbe assaggiare il Cesanese del Piglio a Piglio, c’è la possibilità di degustare uno dei vini più buoni di sempre: il Cesanese del Lazio, del resto, è un vero e proprio punto di riferimento per gli amanti del buon bere. Le proprietà e le caratteristiche di questa tipologia di vino sono a dir poco prestigiose: vediamo dove assaggiarlo e come.

Cos’è il Cesanese del Piglio a Piglio

A rappresentare il Lazio troviamo il vitigno autoctono del Cesanese, una bacca nera che presenta due varietà nello specifico, cesanese comune, coltivata di solito nella provincia di Frosinone, e cesanese di Affile, che si coltiva sia a Frosinone quanto a Roma.

Ovviamente, in base al territorio, il sapore cambia, anche perché il clima influisce molto sulla produzione del cesanese: per esempio, le brezze provenienti dalla costa garantiscono delle buone escursioni termiche.

Nella località di Piglio, per esempio, si trova proprio uno dei vitigni autoctoni più importanti del Paese, che è appunto quello del Cesanese. Ci riferiamo alle Cantine Massimi, dove ovviamente è possibile fare anche una delle migliori degustazioni.

Una degustazione in cantina in un castello: come prenotare

Hai sempre sognato di fare una degustazione in un castello? Puoi farlo: le Cantine Massimi, infatti, si trovano proprio all’interno di un castello: nella dimora storica di Piglio, ecco che vengono realizzati alcuni dei vini più importanti del nostro Belpaese, come la Passerina, che è molto fresco per il palato. Per chi invece apprezza un sapore più intenso, suggeriamo di assaggiare il Cispio.

In ogni caso, è possibile prenotare delle visite al castello, anche insieme ad amici, parenti o alla propria dolce metà. L’occasione perfetta per lasciarsi guidare in una gustosissima degustazione, e per solleticare il palato con sapori davvero sorprendenti, ma soprattutto prestigiosi. Un vino da provare. Basta prenotare per tempo, e tutto sarà possibile.

Pubblicato in servizi | Lascia un commento

Come scegliere la tua prima barca a vela

Anche se alcuni marinai scelgono di noleggiare periodicamente o di unirsi a un club velico, la maggior parte aspira ad avere una propria barca a vela.

Con la tua barca a vela, puoi andare in barca a vela quando vuoi, puoi configurarla in base alle tue esigenze e preferenze e puoi lasciare tutta la tua attrezzatura personale a bordo in modo che sia facile fare un salto al porto turistico dopo il lavoro e uscire per una vela al tramonto o per un weekend al tuo ancoraggio preferito. Ma come scegliere la prima barca a vela? Come scegliere un tender? Per chi non lo sapesse, il tender è un gommone di ridotte dimensioni necessario per i tuoi spostamenti dalla barca alla terra ferma. Leggi subito i nostri consigli!

Consigli per l’acquisto di una barca a vela – Come scegliere un tender

Ecco alcuni suggerimenti che possono aiutarti a fare l’acquisto della tua barca a vela.

Elabora un piano di navigazione

Decidi che tipo di navigazione intendi fare frequentemente. Intendi utilizzare la tua barca solo per il week end, o per intere settimane di vacanza?

Dove ormeggiare 

 Ad una boa, ad un ormeggio o a terra, l’importante è sapere dove andrete a tenere la vostra barca di notte. Inoltre, devi eseguire questa azione prima dell’acquisto perché, a seconda delle dimensioni della tua area, puoi scegliere un modello o un altro.

Meteo

Le condizioni meteorologiche possono condizionare la tua navigazione, non è lo stesso andare in mare in Galizia come a Ibiza, ad esempio. Pertanto, è necessario scegliere una barca a vela che si adatti alle vostre circostanze.

Manutenzione

Tutti gli elementi della barca necessitano di manutenzione perché il sole e l’acqua possono danneggiarli. Pertanto, è necessario conoscere tutte le parti della tua barca a vela in modo che, in alcuni casi, tu possa controllare tu stesso questi difetti.

Conoscenza

 È meglio iniziare con barche a vela non troppo grandi, poiché sono più maneggevoli e consentono di acquisire esperienza. 

Pubblicato in nautica | Lascia un commento

Corsi di canto individuale a La Spezia

La musica è una delle arti più amate al mondo ed è anche una delle discipline artistiche che la gente tende a sentire più sua, poiché, è una compagna, aiuta nei momenti difficili e accompagna quelli più felici. Il canto fa parte del mondo della musica: esiste una varietà di stili da ascoltare e perché no, anche da provare e praticare.

Quasi ogni giorno sentiamo in radio, sul nostro cellulare o dalla tv una persona che canta in modo divino e ci fa innamorare di questa disciplina e, molto spesso, pensiamo che il suo sia un dono divino e molto spesso è proprio così. Nonostante questo, bisogna sempre considerare che molte persone sono più portate per svolgere questo tipo di attività poiché sono già brave, talentuose e portate ma, le stesse, coltivano giorno per giorno il loro dono facendolo diventare ancora più forte: in che modo?

Così come un calciatore si allena ogni giorno per migliorare, anche i cantanti allenano la propria voce attraverso dei corsi di canto. Anche il più bravo cantante ha bisogno di coltivare ed allenare la propria voce, sia per migliorare il proprio stile ed il proprio canto sia per preservare la sua voce.

Corsi di canto individuale a La Spezia 

Questi corsi sono molto importanti soprattutto se siete alle prime armi e avete la volontà di migliorare ancora e ancora: ad esempio, è possibile seguire corsi di canto individuale a La Spezia presso il Laboratorio Musicale e Teatrale (LMT). In che modo funzionano questo tipo di corsi?

Ogni corso è diverso rispetto all’altro poiché seguendone alcuni si mira a migliorare un determinato aspetto, seguendone altri si possono migliorare altri aspetti, ma quel che serve sapere, in primis, è che vengono messi a nostra disposizione maestri di canto professionisti che avranno come unico scopo quello di renderti un cantante migliore.

Pubblicato in formazione, istruzione | Lascia un commento

Condizionatori: come sceglierli e dove acquistarli a Milano

I condizionatori sono uno strumento sempre più usato da tutti ed in diversi ambienti che includono case, uffici e ambienti pubblici.

Allo scopo di refrigerare gli ambienti questi strumenti sono la soluzione migliore. È importante però sceglierli in base alla grandezza dello spazio che andrà refrigerato.

La dimensione dell’ambiente infatti determina la necessità di utilizzare un condizionatore più o meno potente in grado di raffreddare un determinato ambiente.

Sarebbe infatti impensabile l’idea di utilizzare un condizionatore della stessa potenza per refrigerare un salotto di casa o un ambiente più grande come ad esempio un intero negozio.

Come scegliere il condizionatore da acquistare

Il condizionatore giusto deve avere prima di tutto le caratteristiche utili a soddisfare gli obiettivi che si hanno di refrigerare un determinato ambiente.

Esistono condizionatori fissi da parete o condizionatori mobili che è quindi possibile spostare da un ambiente all’altro.

In entrambi i casi però tra gli elementi importanti da tenere in considerazione per effettuare la scelta giusta rispetto al condizionatore da acquistare troviamo:

  • la dimensione dell’ambiente da refrigerare
  • la potenza del condizionatore

 Dove acquistare e riparare un condizionatore a Milano

Acquistare un condizionatore a Milano è semplicissimo. Questi sono infatti strumenti ormai di uso comune e reperibili nei negozi specializzati, spesso anche nelle grandi catene che vendono elettrodomestici oppure online nei diversi siti che vendono prodotti di questo genere.

Allo stesso modo è semplice trovare le aziende che offrono servizi di riparazione condizionatori Milano cercando online o presso i negozi specializzati.

La riparazione è inoltre un aspetto da non sottovalutare, può capitare infatti che il condizionatore abbia un problema e smetta di funzionare e se questo malfunzionamento dovesse capitare durante i mesi estivi sarebbe causa di grande disagio.

Per questo motivo è sempre bene avere un riferimento come servizio di riparazione, pronto da tenere in agenda in caso di guasti.

Pubblicato in servizi | Lascia un commento

Ecco il corso di formazione formatori della sicurezza da 24 ore

Al giorno d’oggi la rete offre davvero tantissime possibilità e la formazione è sicuramente uno dei settori che ha visto una crescita esponenziale negli ultimi anni.

Da casa è infatti possibile studiare e formarsi seguendo corsi online di qualsiasi genere. Con l’avvento della pandemia questa dinamica si è alimentata ulteriormente fino a crescere ancora di più negli ultimi due anni.

Su internet è possibile infatti seguire corsi di ogni genere, non solo volti al divertimento, hobby o per diletto ma anche corsi universitari o di formazione di qualsiasi tipo.

In particolare se stai cercando un corso formazione formatori la soluzione è Progetto 81 – Sicurezza sul lavoro. Un corso online sulla formazione dei formatori della sicurezza della durata di sole 24 ore.

Si tratta di un corso per diventare formatori della sicurezza sul lavoro abilitante ai sensi del Decreto Interministeriale 6 marzo 2013. Non solo esso è disponibile anche con crediti formativi professionali per Ingegneri, Architetti, Geometri e Periti.

Il Corso è erogato in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria dell’ informazione, elettronica e telecomunicazioni dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.

Il corso ha come obbiettivo quello di fornire le conoscenze, le competenze e gli strumenti necessari per progettare ed erogare percorsi formativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro, nei diversi contesti produttivi e relazionali.

Non solo, diventare formatore sicurezza significa operare in un contesto finalizzato all’accrescimento della cultura della prevenzione di infortuni e malattie professionali nei differenti e molteplici settori lavorativi

Usufruibile per 180 giorni su piattaforma e-learning e accessibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, il corso è strutturato sotto forma di videolezioni.

Al termine del corso è previsto un esame finale che si effettuerà con un test online a risposta multipla. In caso di mancato superamento, il test è ripetibile più volte gratuitamente.

I destinatari del corso sono consulenti esterni come liberi professionisti, datori di lavoro, dirigenti, preposti, responsabili del servizio di prevenzione e protezione, medico competente o altri soggetti individuati dalla legislazione in vigore nell’ambito del sistema aziendale di gestione della sicurezza sul lavoro.

Pubblicato in servizi per le aziende | Lascia un commento